By: AVV. ROBERTO SPOSATO
12/10/2018
0

0/5  Voti: 0

L’INAIL, con l’obiettivo di rafforzare la tutela dei lavoratori all’interno del luogo di lavoro, al fine di migliorarne le condizioni di salute e di sicurezza, ha destinato un ingente finanziamento, superiore ai 276.000.000,00 di euro, di contributi a fondo perduto.

Tutte le aziende interessate, comprese quelle operanti (con riferimento ai distinti ruoli nella filiera) nel settore dell’autotrasporto, hanno la passibilità di partecipare al Bando mediante la presentazione di apposita domanda on line, dal 1 marzo 2015 al 5 maggio 2016, sul portale dell’INAIL.

La sicurezza nei luoghi di lavoro è stata da sempre, sin dall’avvento della Costituzione (e, in precedenza, dalla normativa penale e da specifiche leggi speciali), uno dei compiti fondamentali di uno Stato sociale (Welfare State).

Con il D. Lgs. n. 81 del 2008 si è pervenuti alla redazione di un Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro (sostitutivo del precedente, efficiente ma non completo, D. Lgs. n. 626/94) con il fine di ridimensionare e ridurre l’esposizione ai rischi di lavoro e, pertanto, il numero di infortuni gravi e gravissimi nonché le malattie professionali che, puntualmente ed ogni anno, caratterizzano il nostro paese (si pensi alle morti bianche).

Preso atto delle suddette problematiche, il Legislatore italiano è intervenuto, negli ultimi anni, con distinti provvedimenti volti ad attuare le finalità e le tutele indicate nel D. Lgs. n. 81/2008, soprattutto mediante sovvenzioni e contributi diretti alle imprese e funzionali a garantire la salubrità e la sfera giuridica dei lavoratori.

In quest’ottica si inquadra il Bandi Isi 2015, indetto dall’INAIL, pubblicato a mezzo di avviso pubblico nella Gazzetta Ufficiale del 21/12/2015, con il quale sono stati stanziati oltre 276 milioni di euro a fondo perduto con lo scopo di incentivare le imprese, anche di trasporto, a realizzare interventi mirati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro.

I progetti ammessi afferiscono tre tipologie:

  • Progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori;

  • progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;

  • progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

L’ammontare del contributo è fissato in un 65% a fondo perduto, al netto di IVA (con un minimo di €. 5.000,00 sino ad un massimo di €. 130.000,00).

La domanda va presentata telematicamente a partire dal 1 marzo 2016 sino al 5 maggio 2016.

 

In allegato estratto avviso pubblico INAIL GURI 21/12/2015

 

Commenti
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy