By: AVV. ROBERTO SPOSATO
12/10/2018
0

0/5  Voti: 0

Con la Gazzetta Ufficiale del 1 agosto 2017 sono stati pubblicati i decreti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 20 giugno e quello successivo del 17 luglio 2017, , con cui sono state introdotte le disposizioni, anche attuative, inerenti gli incentivi per rivitalizzare gli investimenti nel comparto dell’autotrasporto, anche alla luce dell’art. 1, comma 250 Legge n. 190/2014 (Legge Finanziaria per il 2015).
Le risorse finanziarie messe a disposizione dal ministero ammontano a complessivi euro 35.970.177,00.
Le predette sovvenzioni – riprendendo la disposizione di cui all’art. 1, comma 2, decreto 20/06/2017 – “… sono destinate ad incentivi a beneficio delle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi attive sul territorio italiano, regolarmente iscritte al Registro elettronico nazionale e all'Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, per il rinnovo e l'adeguamento tecnologico del parco veicolare, per l'acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale, nonché per favorire iniziative di collaborazione e di aggregazione fra le imprese del settore, nei limiti e secondo le modalità di cui al presente decreto”.  
Con riguardo, invece, alla ripartizione dei contributi, lo stesso decreto, all’art. 1, prevede la seguente suddivisione:
  1. 10,5 milioni di euro per acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a metano CNG, gas naturale liquefatto LNG e elettrica (Full Electric) nonché per l'acquisizione di dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli per il trasporto merci a motorizzazione termica in veicoli a trazione elettrica;
  2. 10 milioni di euro per radiazione per rottamazione di veicoli pesanti di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate, con contestuale acquisizione di veicoli nuovi di fabbrica conformi alla normativa euro VI di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate;
  3. 14,4 milioni di euro per acquisizione anche mediante locazione finanziaria, di rimorchi e semirimorchi, nuovi di fabbrica, per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5 e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO, dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggiori standard di sicurezza e di efficienza energetica nonché per l'acquisizione di rimorchi e semirimorchi o equipaggiamenti per autoveicoli specifici superiori a 7 tonnellate allestiti per trasporti in regime ATP, rispondenti a criteri avanzati di risparmio energetico e rispetto ambientale;
  4. 1.050.177 euro per l'acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di casse mobili e rimorchi o semirimorchi porta casse così da facilitare l'utilizzazione di differenti modalità di trasporto in combinazione fra loro senza alcuna rottura di carico, ai sensi di quanto previsto dall'art. 36 del regolamento (CE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014.
Le disposizioni operative di attuazione delle su indicate misure incentivanti di cui al decreto del 20 giugno 2017 succitato, come detto, sono contenute nel decreto 17 luglio 2017.
 
 
Si allegano i decreti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 20 giugno e quello successivo del 17 luglio 2017.
 

Allegati
Descrizione Download
620_Decreto MIT 17 luglio 2017.pdf
Download
619_DECRETO MIT 20 giugno 2017.pdf
Download

Commenti
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy