By: DOTT. SERGIO ANTONACCI
12/10/2018
0

5/5  Voti: 1

In data 19 gennaio 2017 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del 22 dicembre 2016 del Ministero del Lavoro in relazione alle retribuzioni convenzionali per l’anno 2017, differenziate per categorie e settori di attività, per il calcolo di contributi ed imposte dei lavoratori italiani che operano all’estero.
Le retribuzioni convenzionali sono la base da cui calcolare e contributi dovuti per le assicurazioni obbligatorie di quei lavoratori italiani che operano in Paesi extra UE con cui l’Italia non ha siglato accordi di sicurezza sociale. La normativa sulle retribuzioni convenzionali si rivolge ai lavoratori che svolgono attività lavorativa dipendente in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto soggiornando nello Stato estero per un periodo superiore a 183 giorni, ma che allo stesso tempo continuano ad essere residenti fiscali in Italia; inoltre la suddetta normativa non trova applicazione in presenza di un accordo stipulato tra l’Italia e l’altro Stato extra UE che eviti le doppie imposizioni e che preveda la tassazione esclusivamente nel Paese estero.
Il requisito fondamentale per applicare la normativa sulle retribuzioni convenzionali estere è l’esistenza di un contratto specifico con il lavoratore che disponga l’esecuzione esclusiva all’estero della prestazione e la collocazione del dipendente in uno speciale ruolo estero; sono pertanto esclusi i lavoratori in trasferta, poiché manca il requisito della continuità e della esclusività della prestazione lavorativa all’estero data da specifico contratto.
Per il computo delle giornate, mentre l’attività lavorativa all’estero deve considerarsi come continuativa ed esclusiva, il periodo da considerare non deve essere necessariamente continuativo ma è sufficiente che sia di almeno 183 giornate di lavoro estero prestato nell’arco di 12 mesi.
Di seguito riportiamo le tabelle con le retribuzioni convenzionali previste per il settore dell’autotrasporto e spedizione merci.
 
OPERAI ED IMPIEGATI
 
QUALIFICHE
FASCIA
RETRIBUZIONE NAZIONALE
RETRIBUZIONE CONVENZIONALE
 
I
Fino a 1.957,17
1.957,17
OPERAI
II
Da 1.957,18 a 2.072,08
2.072,08
 
III
Da 2.072,09 a 2.186,99
2.186,99
 
IV
Da 2.187,00 in poi
2.301,87
 
I
Fino a 2.301,87
2.301,87
 
II
Da 2.301,88 a 2.735,57
2.735,57
IMPIEGATI
III
Da 2.735,58 a 3.169,26
3.169,26
 
IV
Da 3.169,27 a 3.602,96
3.602,96
 
V
Da 3.602,97 in poi
4.036,62
 
 
            QUADRI
FASCIA
RETRIBUZIONE NAZIONALE
RETRIBUZIONE CONVENZIONALE
I
Fino a 4.036,62
4.036,62
II
Da 4.036,63 a 4.803,78
4.803,78
III
Da 4.803,79 a 5.570,93
5.570,93
IV
Da 5.570,94 a 6.338,09
6.338,09
V
Da 6.338,10 a 7.105,24
7.105,24
VI
Da 7.105,25 in poi
7.872,37
 
 
            DIRIGENTI
FASCIA
RETRIBUZIONE NAZIONALE
RETRIBUZIONE CONVENZIONALE
I
Fino a 6.002,32
6.002,32
II
Da 6.002,33 a 7.107,45
7.107,45
III
Da 7.107,46 a 8.212,55
8.212,55
IV
Da 8.212,56 a 9.317,65
9.317,65
V
Da 9.317,66 a 10.422,79
10.422,79
VI
Da 10.422,80 a 11.527,89
11.527,89
VII
Da 11.527,90 a 12.633,01
12.633,01
VIII
Da 12.633,02 a 13.738,13
13.738,13
IX
Da 13.738,14 a 14.843,24
14.843,24
X
Da 14.843,25 in poi
15.948,28
 
 
 
 
 

Commenti
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy