By: DOTT. SERGIO ANTONACCI
12/10/2018
0

3.5/5  Voti: 2

Attraverso le istruzioni impartite dalla circolare n. 76/15 dell’Inps, ha preso avvio il censimento previsto per raccogliere i dati sulla rappresentanza delle organizzazioni sindacali, funzionale alla contrattazione collettiva a livello nazionale.
L’onere di comunicazione dei dati relativi agli iscritti ai sindacati incombe alle sole aziende iscritte a Confindustria, attraverso l’esposizione nel flusso uniemens che viene mensilmente inviato all’Inps.
Tuttavia, le aziende che invece applicano uno dei contratti rientranti nella sfera di Confindustria (come indicato nel secondo allegato della circolare sopracitata) ma che non sono iscritte al sindacato, anche se non sussiste obbligo, possono decidere di inviare i dati; nello specifico le ditte che applicano i contratti presenti nell’elenco del secondo allegato indicato dalla circolare n. 76/15 e che abbiano dipendenti iscritti alle rappresentanze sindacali elencate nel terzo allegato della suddetta dovranno mensilmente comunicare all’Inps il numero di lavoratori aderenti.
Tale censimento consta di due fasi: la prima di comunicazione telematica all’Inps del modulo RASI per effettuare l’iscrizione al censimento; la seconda, successiva alla prima, di inserimento dei dati nel flusso uniemens.
L’Inps, da ultimo, ha precisato che tali dati possono essere forniti anche nei mesi successivi, senza che vengano applicate sanzioni.

Commenti
 
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. - Privacy Policy